A CASA NOSTRA nasce dal pensiero che, anche in condizioni di disabilità intellettiva, abitare e avere un'occupazione dignitosa e adatta alle proprie capacità e alle proprie aspirazioni, rappresentino i due punti centrali della vita adulta di ciascuno. Vita adulta il più possibile autonoma, e pensata sulle proprie esigenze e sui propri desideri.

Spesso alle persone con disabilità viene concessa la possibilità di una vita autonoma solo quando e se il nucleo familiare diventa impossibilitato a garantire un’assistenza adeguata.

Una dimensione di residenza autonoma diventa quindi “l’ultima spiaggia”, qualora nessuno possa più occuparsi di loro.

Il nostro progetto si fonda invece sull’idea che, con tempo e gradualità, durante noi, si possa avviare un'attività che consenta alla persona disabile di sperimentare progressive autonomie e costruire un dopo di noi più sereno e consapevole.

Vogliamo quindi proporre un percorso che accompagni il giovane o adulto disabile e la sua famiglia, nella costruzione di un progetto di vita adulta il più possibile autonoma.

A Casa Nostra sarà inizialmente una piccola casa per incontrarsi, socializzare e sperimentare progressive occasioni di autonomia, con la presenza di volontari e con la supervisione di personale specializzato.

Il nostro obiettivo è quello di crescere e riuscire a creare, nel tempo, una o più strutture abitative dove, chi vorrà, potrà vivere con un piccolo gruppo ed il supporto di personale specializzato, una vera vita autonoma alternativa alla vita in famiglia.


Crediamo che TUTTI coloro che vogliono sperimentare occasioni di socialità e di autonomia, abbiano il diritto di farlo.

Diamo molta importanza, pertanto all’accessibilità economica delle nostre iniziative.

I contributi che chiederemo serviranno unicamente a coprire le spese vive della gestione della casa, oltre a garantire il compenso al personale specializzato che supervisionerà il progetto.

Le attività saranno condotte da adulti volontari e saranno improntate ad una certa sobrietà, nell'intento di contenere il più possibile i costi.

E’ nostra convinzione inoltre, che anche in presenza di disabilità intellettiva, si possano guidare le persone alla comprensione del valore del denaro e del lavoro che consente di procurarselo.

Ci sarà pertanto, nelle nostre attività, uno spazio destinato all’autofinanziamento, con la creazione di “cose”che verranno vendute e contribuiranno, anche solo simbolicamente, alla realizzazione dei nostri progetti.

_______________________________________________________________________________________

Amministrazione trasparente

Il nostro DIRETTIVO:

Grazia BARBERO Presidente
Pasquale PINO  Vice Presidente
Emila OBIALERO Segretario

Atto Costitutivo.pdf
Statuto Associativo.pdf